Bmr, sfida domenicale interna con Bertinoro

La sconfitta rimediata sabato a Ferrara non scalfisce il morale della Bmr Basket 2000, pronta a tornare in campo domani alle 18 per la quarta giornata di serie C Gold. Di fronte alla squadra di coach Tassinari c’è una Gaetano Scirea che ha dimostrato nei primi tre turni il proprio valore, giocando alla pari con tutte le rivale, e non ci sarebbe stato nulla da obiettare se al posto dell’Olimpia Castello, in vetta, ci fossero stati proprio i rivali di giornata dei bianco-rosso-blu. Questo torneo, stando alle prime battute, si caratterizza per grande equilibrio, con un folto nugolo di pretendenti che non vogliono perdere terreno: occorre quindi scendere in campo consapevoli della propria forza e, allo stesso tempo, consci del fatto che senza spirito battagliero e di sacrificio non si va da nessuna parte. Dopo una settimana dove lo staff tecnico, in palestra, avrà di certo lavorato su ciò che non è andato  nell’ultimo turno, si guarda avanti, cercando passo dopo passo di inserire anche Luca Bertolini  sul parquet: il classe 1985, tornato a Scandiano dopo l’anno di Montecchio, è  un elemento unico per esperienza e capacità di creare gioco, ma ha bisogno di tempo per riprendersi appieno dal fastidioso infortunio che lo ha fermato in estate, facendogli perdere la quasi totalità della preparazione. Ultimo aspetto, il fattore campo, col PalaRegnani chiamato a diventare un punto di forza per i padroni di casa, nonchè fortino inespugnabile per le rivali che verranno a farci visita.

L’AVVERSARIO – Una delle rivelazioni di questo primo scorcio di stagione. Il Gaetano Scirea Bertinoro arriva infatti a Scandiano con un bilancio di due vittorie ed una sconfitta, arrivate tutte al termine di gare equilibrate: lo dimostra il fatto che al debutto i due punti siano arrivati dopo un match infinito contro Castelnovo Monti, mentre l’unico ko finora rimediato sia stato il 77-76 con la capolista Olimpia Castello, unica ancora imbattuta; nell’ultimo turno, infine, vittoria 72-69 con Molinella. Il principale terminale offensivo del quintetto di coach Alessandro Tumidei è Gabriele Rossi, play ventenne che viaggia a 22,3 punti di media; accanto a lui gli esterni Mattia Ricci (11) e Simone Ravaioli (9,3), mentre sotto le plance spiccano i 13,7 punti di Mattia Bracci; accanto a lui un ex Bmr, Dario Farabegoli, arrivato in terra reggiana lo scorso anno da Lugo, che sta viaggiando alle medesime medie del compagno. Nelle rotazioni non manca l’impiego di Emiliano ed Enrico Solfrizzi, 38 e 35 anni, che della squadra forlivese sono delle vere e proprie bandiere.